Medicinali: come risparmiare e ne vale la pena

I prodotti medici (preparati, medicinali, vitamine, medicinali) sono citati solo a scopo informativo. Si sconsiglia di utilizzarli senza prescrizione medica. Lettura consigliata: " Perché non puoi assumere farmaci senza prescrizione medica?". Negli ultimi anni i prezzi dei farmaci sono aumentati del 30-100%. Ci sono anche farmaci, il cui costo è aumentato più volte, quindi non sorprende che i consumatori ordinari affermino che il trattamento è costoso. Consideriamo quanto sia vera questa affermazione, perché i farmaci con la stessa composizione sono prodotti con nomi diversi e, di conseguenza, costano in modo diverso.

Nel 2018 la Duma di Stato di Russia ha approvato una legge che obbliga i farmacisti a offrire ai pazienti non solo farmaci costosi, ma anche analoghi più economici. Il Ministero della Salute dell'Ucraina consente ai medici di scrivere una prescrizione per una denominazione internazionale non proprietaria. In questo modo, gli utenti hanno potuto scegliere autonomamente il produttore e la categoria di prezzo dei medicinali. Allo stesso modo, puoi fare lo stesso con l'automedicazione e l'acquisto di farmaci da banco, scegliendo prodotti di fascia di prezzo medio e basso. Ciò consentirà di risparmiare notevolmente il budget familiare.

Gruppi di farmaci più popolari

solo per i farmaci originali costosi, ma anche per i loro analoghi più economici. Proviamo a confrontare diversi gruppi popolari di droghe.

Farmaci antinfiammatori non steroidei con effetto analgesico. Un rimedio abbastanza popolare sono le capsule di diclofenac, che vengono spesso assunte dagli anziani per alleviare il dolore e l'infiammazione nell'artrite, nella sciatica e nella borsite. Confrontando il farmaco tedesco originale Dicloberl Retard capsule 100 mg, 20 pezzi per confezione e qualsiasi analogo domestico, è facile da vedere: il prezzo può differire di 5-10 volte, ma l'effetto è simile.

Preparati antisettici per malattie della gola. Uno dei rimedi più popolari è Strepsils, disponibile in diversi gusti (arancia, eucalipto, miele-limone, originale, senza zucchero). È spesso consigliato in farmacia, perché contiene un buon alcol diclorobenzilico antisettico. Trovare analoghi più economici del farmaco è facile. Ad esempio, le pastiglie Vokacept, il cui costo è la metà.

Antimicotici utilizzati per la candidosi vaginale acuta nelle donne. Una capsula di Diflucan francese costerà 10 volte di più di qualsiasi farmaco a base di fluconazolo, che è il principio attivo.

I farmaci antidiarroici che riducono la motilità della muscolatura liscia intestinale sono piuttosto popolari. Spesso la farmacia raccomanda capsule di Imodium, che possono essere sostituite con loperamide domestica.

Vale sempre la pena scegliere analoghi economici

Per rispondere a questa domanda, devi prima capire cosa determina il prezzo di un medicinale. La tecnologia di produzione influisce sul costo di ciascun farmaco. I prodotti originali fanno una strada più lunga: dalla sintesi di una sostanza, attraverso lo studio delle sue proprietà e le sperimentazioni cliniche, fino all'ingresso nel mercato. Questo può richiedere 12-15 anni e talvolta anche 20. Gli analoghi, che possono essere rilasciati solo dopo la fine del brevetto originale, "saltano" più fasi contemporaneamente. Uno di questi sono gli studi clinici, quindi, di conseguenza, il costo è molte volte inferiore.

Ma la mancanza di studi clinici è tutt'altro che l'unico motivo per cui la sostituzione dei farmaci potrebbe non essere fattibile. Un punto importante nel trattamento dei farmaci farmacologici è la loro biodisponibilità, che determina quale sarà l'effetto terapeutico del farmaco, quanto velocemente arriverà e la gravità degli effetti collaterali. Ad esempio, l'Istituto di farmacologia dell'Università medica statale di San Pietroburgo, confrontando l'azitromicina originale e i suoi analoghi, ha scoperto che a causa dell'assorbimento più lento degli antibiotici economici, la loro biodisponibilità diminuisce. Di conseguenza, l'efficacia clinica è parecchie volte inferiore, e infatti tali farmaci sono destinati al trattamento di infezioni gravi.

Un altro punto importante è l'influenza dei riempitivi ausiliari. In qualsiasi forma di farmaco, non sono chimicamente inerti, e sono spesso in grado di reagire con il principio attivo, influenzando così la qualità del farmaco, la sua farmacocinetica e la sua farmacodinamica cambiano:

  • medicinale di solubilità;
  • il rilascio della sostanza attiva e il tempo necessario per raggiungere la sua concentrazione massima;
  • metabolismo, escrezione;
  • effetto sull'organismo, soprattutto in presenza di malattie concomitanti.

A causa di tali interazioni, anche la concentrazione dei principi attivi può differire. I confronti chimici di prodotti originali e analoghi hanno rivelato che questa cifra raggiunge spesso una differenza del 7%. Ciò significa che il paziente potrebbe non ricevere il dosaggio di cui ha bisogno.

L'ultima cosa di particolare importanza per la possibilità o impossibilità di sostituire i farmaci è l'equivalenza. Ci sono tre caratteristiche di questo indicatore:

  • terapeutico - la maggior parte dei pazienti, oltre alla diagnosi principale, soffre di altre malattie, quindi i farmaci dovrebbero agire su organi e sistemi in modo assolutamente modi identici;
  • farmaceutico - in questo caso il medicinale deve avere la stessa composizione, forma di rilascio e contenuto dei componenti;
  • clinica – anche la tolleranza ai farmaci deve corrispondere all'originale.

Situazioni in cui la sostituzione è severamente vietata

Si sconsiglia di cambiare i farmaci da prescrizione per il paziente e il farmacista senza il consenso del medico. Tuttavia, spesso lo stesso vale per i farmaci da banco.

Oggi la medicina utilizza due sistemi sostitutivi. La prima, totale, prevede la possibilità di utilizzare analoghi uguali per biodisponibilità, equivalenza, farmacocinetica e farmacodinamica. Quando si scrive una prescrizione per tali fondi, il medico appone un segno speciale con il permesso. In questo caso il farmacista determina quale farmaco è appropriato per il paziente.

Il secondo, proibitivo, non consente di scegliere analoghi in luogo del rimedio prescritto. Il medico dovrebbe annotarlo nella prescrizione. Ad esempio, è severamente vietato modificare gruppi farmacologici di farmaci come β-bloccanti, antagonisti del Ca, farmaci antiepilettici. E questo è tutt'altro che un elenco esaustivo.

Inoltre, la sostituzione dei farmaci con analoghi non dovrebbe essere effettuata se:

  • sono presenti gravi patologie, soprattutto del fegato e dei reni, perché il metabolismo di diversi farmaci è significativamente diverso.
  • ​​
  • il paziente ha una storia di diabete mellito, poiché alcuni produttori aggiungono correttori del gusto a base di saccarosio, glucosio alle loro preparazioni per migliorare il gusto].
  • I medicinali sono destinati ai bambini e ai pazienti anziani.

E com'è negli altri paesi

In diverse parti del mondo, la questione del risparmio sostituendo i medicinali con quelli più economici è percepita in modo diverso. Ad esempio, negli USA e in Canada, ciò è possibile solo se il medico non ha preso atto del divieto di sostituzione. Nel Regno Unito, questo è completamente escluso. Il farmacista deve rilasciare solo il rimedio indicato nella prescrizione.

La Danimarca è più leale: per sostituire un medico basta “dare il via libera” e il Ministero della Salute francese incoraggia persino a prescrivere farmaci più economici. Questo paese ha persino un sistema di multe per la prescrizione di farmaci costosi.

Se hai ancora intenzione di scegliere analoghi più economici, dovresti assolutamente considerare quale gruppo di farmaci ha prescritto il medico o quali sintomi devi eliminare. Se la situazione è grave, non dovresti sostituire i farmaci da solo.

Il risparmio deve essere ragionevole!

Fonti